09-05-05

The good Mr. Wolf - Il buon Mr. Wolf

To: PEDOCRIMINALITE@yahoogroupes.fr
Sent: Friday, May 06, 2005 8:11 PM
Subject: [PEDOCRIMINALITE] il buon Mr Wolf



Il buon Mr Wolf

Da Jacqueline de Croÿ - 6 mai 2005

The good Mr. Wolf

Par Jacqueline de Croÿ - 6 May 2005

Nel giugno 1998, l'acquisizione degli archivi della rete pedocriminale di Zandvoort aveva segnato lo slancio di  5 mesi di collaborazione di Gina Bernaer-Pardaens col Werkgroep Morkhoven,ma ciò si fermerà brutalmente con la morte della medesima.

Eccellente giornalista, lei aveva rapidamente scoperto che il buon Mr Wolf, il patrigno di Manuel Schadwald scomparso nel 1993 all'età di 12 ans, era membro della Stasi fino al 1984, attorniato da altri casi di scomparsa dei minori e di ricatto di personalità. Un fenomeno abbastanza comune all'interno dei servizi segreti.

Cinque anni più tardi, dei giornalisti del Berliner Morgenpost decisero di fare un'inchiesta con l'aiuto di Marcel Vervloesem. Lui andò dall'Olanda in Germania, scoprendo altre informazioni supplementari. Loro intervistavano Goetz, detto Grigori, un russo residente a Berlino. Agente degli ex- KGB e Stasi. Lui era secondo lui stato incaricato di valutare le capacità psicologiche del  buon Mr Wolf, e confermare tutti questi traffici.

Diventato l'onesto proprietario di un club sadomaso, il buon Mr Wolf assicura di essere stato vittima di un imbroglio che voleva far credere che era legato alla scomparsa del suo figliastro e che nessun elemento determinante poteva provarne l'implicazione.

Chiaramente, la procura di Turnhout ritiene buona la presunzione d' innocenza del buon Mr Wolf, ma non quella di Marcel Vervloesem, che è perseguito per intralcio alla vita privata di criminali non identificati. Allora mentre uno è libero di fare la pubblicità al suo club su Internet al suo club sadomaso, l'altro è privato di proseguire le sue inchieste, incarcerato preventivamente sulla base di un imbroglio, malgrado le prove di pagamento fino a  50.000-FB per accusarlo di violenza sessuale.

Marcel Vervloesem protesta con uno sciopero della fame, rifiutando di prendere le sue medicine per il cuore e la sua insulina mentre è gravemente cardiopatico e diabetico.

Secondo il ministero della giustizia, il personale penitenziario è incaricato di controllare ogni 15 minuti se lui non è morto. Secondo il direttore della prigione,la sua vita non sarebbe in pericolo ed è stato obbligato a non ricevere le visite di nessuno del la sua associazione. Non si sa se questo è il risultato di un dimenticanza della QI, o di crudeltà attiva. I medici specialisti non sono molto inclini a prescrivere trattamenti pesanti se non sono necessari per la vita.

Reste a sapere perchè queste persone per prolongare la sua agonia ? Una questione di democrazia, forse.

In June 1998, the seizure the network Zandvoorts' archives had marked the start of 5 months collaboration of Gina Bernaer-Pardaens with the Werkgroep Morkhoven, which where brutally ended by her murder.

Excellent journalist, she had quickly discovered that good Mr. Wolf, the step-law of Manuel Schadwald - disappeared in 1993 at the age 12 years, was member of Stasi until 1984, surrounded of other cases disappearances of children and blackmail on personalities. A rather common phenomenon within the secret services.

Five years later, journalists of Berliner Morgenpost decided to inquire, with the assistance of Marcel Vervloesem. They went from Holland to Germany, discovering additional information. They interviewed Goetz, known as Grigori, a Russian residing in Berlin. Agent for the ex- the KGB and Stasi, he had according to him, been charged to evaluate the psychological capacities of the good Mr. Wolf, and confirmed all these traffics.

Having become the honest owner of a sadomasochistic club, the good Mr. Wolf ensures being victim of a cabal which aims at making believe that he is related to the disappearance of his step-son and that no determining element could prove his implication.

Clearly, the Court of Turnhout retains the presumption of innocence of the good Mr. Wolf, but not that of Marcel Vervloesem, whom it sues for intruding in the private life of non identified criminals. As one is free to make publicity on Internet for his sadomasochist club, the other is deprived to continue his inquiries, imprisoned on suspicion, on the basis of cabal whereas evidence of payments up to 50.000-FB to carry out formal complaints accusing him of rape.

Marcel Vervloesem protests by a hunger strike, refusing to take the drugs for the heart, or his insulin, though he is heavily cardiac and diabetic.

According to the ministry for the justice, the penitentiary staff is charged to control every 15 minutes if he is not dead. According to the head warden, his life would not be in danger but he forces him to stand up during the visits of his family and friends. No one knows if this results from failing IQs or active cruelty. The specialised doctors are not inclined to prescribe heavy treatment if they are not vital.

Now the question is: why do these people wish to drag along his death throes?  A question of democracy, maybe.

  • Photo de droite: le bon Mr Wolf avec le Ministre Declercq avec Marion, la mère de Manuel Schadwald.
  • Photo de gauche: Le plus beau profile du bon Mr Wolf
  • Ci dessous, des informations complémentaires sur le bon Mr Wolf (en allemand)
  • Picture on the right: The good Mr Wolf with Minister Declercq and Marion, the mother of Manuel Schadwald
  • Picture on the left: The finest profile of good Mr Wolf
  • Here bellow, further information on the good Mr Wolf (in German)



De commentaren zijn gesloten.